Passa ai contenuti principali

Musei a Potenza

Ci sono tre Musei a Potenza, ognuno con importanti testimonianza storiche.

Il Museo Nazionale, Museo Archeologico Nazionale della Basilicata merita una visita, in quanto presenta al pubblico i risultati delle importanti ricerche condotte nella Basilicata centrosettentrionale e, al tempo stesso, costituisce la vetrina della complessa realtà archeologica di una regione che è stata luogo privilegiato dell’incontro tra genti di stirpe e di cultura diversa, al centro del Mediterraneo. 

Il Museo Provinciale che è ospitato in un immobile strutturato su cinque livelli. Il piano terra ed il secondo piano ospitano mostre temporanee relative a varie tematiche; il primo piano ospita una mostra archeologica permanente che illustra il percorso crono-culturale delle tre grandi forme di popolamento della Lucania antica (Enotri, Greci, Lucani) dall'età arcaica fino alla romanizzazione; al primo piano interrato si trova il deposito del materiale archeologico posseduto dal museo. 
Il Museo Diocesano di Potenza, allestito nella sala a piano terra del seicentesco edificio dell’ex Seminario, apertosi al pubblico di recente, rappresenta per quanti lo visiteranno, un’importante opportunità per ‘riconoscere’, attraverso le opere, le principali peculiarità che contraddistinguono la cultura artistica della nostra regione e la storia dell’antica diocesi potentina mediate dal racconto della microstoria di ogni singolo bene. 

Post popolari in questo blog

PROGRAMMA OPERATIVO COMUNALE

L’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Potenza ha definito un Programma Operativo Comunale per avviare nuove politiche industriali sul proprio territorio. La tecnologia negli ultimi venti anni ha avuto uno sviluppo rapido e continuo, i cittadini, per quanto si prodigano ad essere al passo con i tempi, non sempre riescono a sfruttare le molte opportunità digitali.
In questo momento non si conosce analiticamente l’entità del fenomeno, ma vi è la consapevolezza diffusa che questa situazione determina differenti livelli di applicazione, tanto che molti settori produttivi non riescono ad introdurre le innovazioni metodologiche, per utilizzare le tecnologie disponibili.
La Pubblica Amministrazione non è immune, come pure la politica, a cui è affidata la responsabilità di creare le condizioni per migliorare il settore di propria competenza e di consentire ai cittadini di avere un miglioramento continuo dei servizi pubblici e privati. Pertanto, è necessario iniziare il dialogo …

PRIME ADESIONI SPORTELLO IMPORT EXPORT POTENZA

L'Assessore alle Attività Produttive del Comune di Potenza, Carmen Celi, ha incontrato il gruppo di lavoro comunale per l'apertura dello sportello import - export potenza, di cui all'avviso pubblico che scade il 31 gennaio 2018.
Iniziano ad arrivare le prime adesioni da parte di imprese e cittadini del Comune di Potenza, che  parteciperanno all'Assemblea Comunale della Categoria Professionale di Potenza.

L'Assessore Celi, si è soffermata sulla necessità di introdurre gradualmente le innovazioni disponibili direttamente nella popolazione, trasformando gradualmente i comitati di quartiere nelle Assemblee dei Cittadini Residenti, tenendo conto delle sperimentazioni realizzate sul territorio da Anci Basilicata, in modo da attivare gli strumenti operativi previsti dal Sistema Informativo delle Autonomie Locali.
Tuttavia, queste grandi trasformazioni hanno bisogno di essere graduate, anche in funzione del livello di predisposizione ai cambiamenti, che spesso non agevola …

COMITATO VIA CRISPI

I cittadini residenti di Via Crispi a Potenza hanno avviato un percorso di cittadinanza attiva, finalizzato alla risoluzione delle problematiche maggiormente assorbite.
Il 16 ottobre 2017 è stata istituita l'Assemblea dei Cittadini Residenti di Via Crispi a Potenza, utilizzando gli strumenti del Sistema Informativo delle Autonomie Locali - Anci Basilicata.

A tal fine è stato attivato anche il sito web viacrispi.blogspot.it , dove è possibile conoscere le soluzioni proposte dai cittadini ed i programmi operativi attivati.

Il Comitato di Via Crispi ha definito le priorità da affrontare, iniziando la costruzione della propria identità di comunità locale, che discute e trova le soluzioni.